Registro del PdiM

PREMESSA

In occasione dei Workshop tenuti dalla Rete SIRQ  presso la Scuola Media "Martiri della Libertà" di Asti, con lo scopo di supportare Dirigenti Scolastici e docenti nella realizzazione del PdiM, siamo stati invitati a realizzare un registro dello stesso.  Quello richiesto era un agile strumento cartaceo, che, dopo aver sintetizzato le informazioni fondamentali sulla scuola e sugli obiettivi che essa si è proposta in sede di compilazione del RAV, documentasse l'attuazione dei processi e il controllo degli stessi e degli esiti raggiunti per mezzo dei monitoraggi.

La nostra scuola, avendo precedentemente avviato il processo di documentazione del proprio percorso optando per un Diario di Bordo digitale, ha pensato di inserire lo stesso in questa cornice allargata che certo faciliterà la contestualizzazione dei singoli articoli che si succedono in modo meramente diacronico nel Diario.


DATI GENERALI SULLA SCUOLA

L'Istituto Comprensivo di Montegrosso è costituito da 12 scuole: 4 scuole dell'infanzia, 6 Scuole Primarie e 2 Scuole Secondarie di I grado. Con riferimento al coinvolgimento degli ultimi due ordini di scuola nel RAV e nel Pdi M, inseriamo alcuni dati essenziali desunti dal POF sui plessi ad essi appartenenti:

Scuole primarie

a.s. 2015/16

Plesso N. classi N. alunni
Agliano Terme 5 74
Castelnuovo Calcea 1 pluriclasse 18
Mombercelli 6 109
Mongardino 1 pluriclasse 55
Montegrosso 6 108
Vigliano 2 25
Totale 25 389


a.s. 2016/17: dati di prossimo inserimento

In tutti i plessi vengono attivati  moduli, con due rientri pomeridiani,  tutte le scuole prevedono la  “settimana corta”.


Scuole Secondarie di I grado 

a.s. 2015/16

Plesso N. classi N. alunni
Mombercelli 6 121
Montegrosso 6 139
Totale 12 260


a.s. 2016/17: dati di prossimo inserimento
 

Nella scuola Media di Montegrosso le classi I A, II A e III A funzionano a tempo prolungato, con due rientri pomeridiani, il lunedì e il mercoledì (modulo a 36 ore settimanali); le cl. I B, II B e III B seguono un modulo orario di 30 ore, secondo le nuove disposizioni ministeriali.  Nel corso A  è stato introdotto l’inglese potenziato, come da richiesta delle famiglie. Nel corso B si ha l’insegnamento di doppia lingua straniera (francese e inglese).

Nella scuola Media di Mombercelli tutte le classi funzionano a tempo prolungato, con due rientri pomeridiani, il lunedì e il venerdì (modulo a 36 ore). 


SINTESI DELLA RUBRICA DEL RAV

ESITI DEGLI STUDENTI
DESCRIZIONE DELLA PRIORITA'

Riduzione delle disparità di esiti tra plessi, della variabilità fra le classi e della eterogeneità all'interno della stessa classe. Garantire l’adozione di strumenti e criteri comuni tra plessi e classi per ridurre il più possibile la disparità degli esiti. Mentre i dati relativi alle prove standardizzate, alle competenze chiave e di cittadinanza e ai risultati a distanza rispecchiano la realtà dell’Istituto, i dati riguardanti i risultati scolastici sono frutto di una media statistica che cela talora al suo interno disparità in alcuni casi dovute a diversi strumenti e criteri di valutazione. A garanzia dell’utenza e del rispetto del lavoro del singolo docente e di una buona funzionalità degli organi collegiali, si sente l’esigenza di dare una maggiore omogeneità alle procedure da adottare.

AREA DI PROCESSO DESCRIZIONE DELL'OBIETTIVO DI PROCESSO

Curricolo, progettazione e valutazione
Elaborazione di prove disciplinari e trasversali comuni ad inizio anno, intermedie e finali per classi parallele. Individuazione di nuclei di apprendimento essenziali rispondenti alla didattica per competenze da inserire nel curricolo verticale di istituto. Somministrazione di proposte di lavoro cadenzate per competenze per tutte le classi coerenti con i nuclei individuati. Creazione di griglie di valutazione disciplinari e trasversali più articolate. La formulazione e l’utilizzo di prove d’ingresso e intermedie comuni consente di avviare il processo di progettazione con più consapevolezza ed equilibrio. Prove finali comuni sono una garanzia di equa verifica dei risultati raggiunti dagli allievi. Le griglie più articolate predisposte per il lavoro del Consiglio di Classe favoriranno la trasparenza, facendo emergere gli elementi da cui scaturisce il voto globale. Questo sarà funzionale ad una lettura più significativa e immediata della valutazione. Nell'ottica di una didattica sempre più individualizzata e che tenga conto delle esigenze educative speciali di alcuni alunni, diventa sempre più importante rendere flessibile il processo valutativo. Sarà un modo per rispondere all'esigenza da una parte di creare percorsi di lavoro personalizzati, dall'altra di mantenere dei punti fermi di riferimento.

 

PIANO DI MIGLIORAMENTO
Il Dirogente Scolastico, la DSGA e docenti del nucleo interno di valutazione
  • hanno individuato una priorità su di un’area

  • hanno specificato i traguardi da raggiungere

  • hanno definito gli obiettivi di processo

Priorità: riduzione delle disparità di esiti tra i plessi (con prove comuni e criteri di valutazione condivisi), della variabilità tra le classi e della eterogeneità all’interno della stessa classe (con attività di recupero/potenziamento, tutoraggio tra pari, flipped classroom,...).

Traguardi

garantire l’adozione di

1) strumenti

2) criteri comuni tra plessi e classi per ridurre il più possibile  la disparità degli esiti

Obiettivi di processo:

  • Elaborazione di prove disciplinari e trasversali comuni ad inizio anno, intermedie e finali per classi parallele.
  • Individuazione di nuclei di apprendimento essenziali rispondenti alla didattica per competenze da inserire nel curricolo verticale d’Istituto.
  • Somministrazione di proposte di lavoro cadenzate per competenze per tutte le classi coerenti con i nuclei individuati.
  • Creazione di griglie di valutazione disciplinari e trasversali più articolate.

PIANO MONITORAGGI E CONTROLLI

Due importanti momenti di controllo degli esiti sono costituiti dalla somministrazione e rielaborazione dei dati dei test d'ingresso e dei test finali comuni per tuoo l'I.C. sia relativamente alle prove proposte che ai criteri di correzione. I primi per l'a.s. 2015/'16 sono stati effettuati rigorosamente secondo la modalità proposta esclusivamente per quel che concerne le due <Scuole secondarie di I grado. Il secondo momento di somministrazione ha invece visto adottare prove e criteri comuni da parte di tutte le scuole sia Primarie che Medie. 

Fondamentali poi anche i monitoraggi di fine anno, che il nostro Istituto ha adottato a partire dal 2012 come efficace strumento di autovalutazione della scuola.  Essi sono articolati nel seguente modo e secondo i tempi sotto indicati:

  • Form per l'autovalutazione della scuola (dal 1° al 10 giugno): destinati agli studenti (Questionario studente) e ai genitori (Questionario genitori) degli alunni in uscita (classi in uscita della Scuola dell'infanzia; classi quinte della Scuola Primaria e classi terze della Scuola Secondaria di I grado).  Il Questionario studente viene somministrato in orario scolastico a cura delle docenti referenti di plesso a partire.  
  • Relazione finale docenti con l'invio agli insegnanti del relativo form (Questionario docente) da compilarsi tra il 1° e il 10 giugno, integrata quest'anno con una sezione dedicata alla realizzazione del PNSD. 
  • Questionario "Monitoraggio PDM" destinato ai docenti delle scuole Primarie e Secondarie di I grado. Il form, inviato il 1° giugno sulla casella di posta elettronica del dominio della scuola, è da compilarsi entro il 10 giugno.

Componenti del Nucleo di Valutazione e loro ruolo 

NOME COGNOME
Emanuela TARTAGLINO Dirigente Scolastica
Nadia GIOVINE Dsga Supporto amministrativo alla predisposizione e realizzazione del PDM
Graziella BERA Prima coll.della D.S., referente plesso della Sc.Sec.I gr. di Mombercelli. Stesura del PDM sulla base dei dati raccolti negli incontri del NIV e in coerenza con il POF e il PTOF. Raccolta dei dati per ordine di scuola in vista della rielaborazione.
Silvia BARBERIS Sec.coll.della D.S., referente plesso della Sc.Prim di Montegrosso. Stesura del PDM sulla base dei dati raccolti negli incontri del NIV e in coerenza con il POF e il PTOF. Raccolta dei dati per ordine di scuola in vista della rielaborazione.
Sara ROCCIA Funz. Strum. POF/Informatica.Stesura PDM sulla base dei dati raccolti in incontri NIV e in coerenza con POF/PTOF.Organizzazione/gestione incontri NIV. Coord.docenti fiduciari nell'attuazione delle direttive per la realizzazione del PDM.
Antonella BERTOLINO Funz.strum.POF/Inform.Resp.S.P.Mongardino.Membro team innovazione.Stesura PDM con dati NIV,in coerenza con POF/PTOF.Organizzazione/gestione  incontri NIV. Coord. docenti fiduciari nell'attuazione delle direttive per la realizzazione del PDM
Susanna MAZZETTI Responsabile Plesso S.M.Mombercelli.Funz.Strum. POF/Informatica.Stesura PDM con dati raccolti in incontri  NIV e in coerenza con POF/PTOF. Organizzazione/gestione incontri NIV. Coord.docenti fiduciari nell'attuazione direttive realizzazione PDM
Monica VAJRA Funz.Strum. POF/Informatica.Animatrice digitale.Stesura PDM sulla base dei dati raccolti negli incontri  NIV e in coerenza con POF/PTOF.Attuazione  monitoraggi. Documentazione azioni processo e pubblicazione Diario di bordo sito istituzionale scuola
Laura CANTAMESSA Responsabile del plesso della Scuola Secondaria di I grado di Montegrosso, docente Scuola Secondaria di I grado. Responsabile attuazione delle azioni di processo nel proprio plesso.
Rosanna BRUNO Responsabile del plesso della Scuola Secondaria di I grado di Montegrosso, docente Scuola Secondaria di I grado.Responsabile attuazione delle azioni di processo nel proprio plesso.
Maria Teresa GAMBARUTO Responsabile del plesso della Scuola Primaria di Vigliano, docente Scuola Primaria.Responsabile attuazione delle azioni di processo nel proprio plesso
Cristina TERZOLO Responsabile del plesso della Scuola Primaria di Montegrosso, docente Scuola Primaria.Responsabile attuazione delle azioni di processo nel proprio plesso.
Federica SORGON Responsabile plesso Scuola Primaria  Mombercelli, doc. Scuola Primaria.Funz. Strum. HC.Responsabile attuazione delle azioni di processo nel proprio plesso
Daniela DURETTO Responsabile plesso  S. Prim. Mombercelli, docente Scuola Primaria.Membro team innovazione. Responsabile attuazione delle azioni di processo nel proprio plesso.
Maria Teresa CIRIO Responsabile del plesso della Scuola Primaria di Castelnuovo Calcea. Responsabile attuazione delle azioni di processo nel proprio plesso.
Emanuela GRASSO Responsabile del plesso della Scuola Primaria di Agliano Terme, docente Scuola Primaria.Responsabile attuazione delle azioni di processo nel proprio plesso.

 

 













Informazioni aggiuntive