24/06/2016 - Incontro Funzioni strumentali POF/Informatica per aggiornamento e integrazioni al RAV

Il 24 giugno la commissione della Funzione strumentale POF e Informatica  si riunisce per confrontarsi sugli aggiornamenti e le integrazioni da apportare al Rapporto di Autovalutazione del nostro Istituto entro il 30 giugno (data della chiusura del RAV per l’a.s.2015/16).

Sono presenti tutti i membri della commissione: Susanna Mazzetti, Antonella Bertolino, Sara Roccia e Monica Vajra.

Riportiamo nelle tabelle sottostanti  le variazioni proposte, che verranno in seguito sottoposte alla Dirigente Scolastica  e al Collegio dei Docenti per essere eventualmente approvate.  Per comodità di lettura le presentiamo in  una struttura che richiama quella del documento ministeriale.

Priorità e Traguardi

(priorità N. 2 da aggiungere)

Esiti degli studenti

Descrizione priorità

Descrizione del traguardo

Competenze chiave e di cittadinanza

Aumentare i livelli di competenze in lingue L2

 

Raggiungimento di competenze in lingua L2  valutate con la somministrazione di test d’ingresso, intermedi e finali.

Aumentare i livelli di competenze digitali

Raggiungimento di competenze digitali concordate a livello d’Istituto e valutate con la produzione di un elaborato finale dell’alunno a fine percorso Scuola Primaria e Secondaria di I grado).

 

Motivazione alla scelta delle priorità (con integrazione in corsivo)

(motivazione alla scelta della seconda priorità)

Motivare la scelta delle priorità sulla base dei risultati dell'autovalutazione (max 1500 caratteri spazi inclusi)

Mentre i dati relativi alle prove standardizzate, alle competenze chiave e di cittadinanza e ai risultati a distanza rispecchiano la realtà dell’Istituto, i dati riguardanti i risultati scolastici sono frutto di una media statistica che cela talora al suo interno disparità in alcuni casi dovute a diversi strumenti e criteri di valutazione. A garanzia dell’utenza e del rispetto del lavoro del singolo docente e di una buona funzionalità degli organi collegiali, si sente l’esigenza di dare una maggiore omogeneità alle procedure da adottare.  L’attuazione degli obiettivi di processo legati al primo obiettivo prioritario del RAV e quella del PNSD nel corso dell’a.s. 2015/’16 hanno fatto emergere l’esigenza di potenziare le competenze digitali  e quelle in Lingua L2 degli alunni per la forte valenza trasversale e strumentale di queste rispetto alle altre discipline, soprattutto nell’ottica di un apprendimento continuo.

 

Obiettivi di processo

(obiettivi di processo da aggiungere)

Area di processo

DESCRIZIONE DELL'OBIETTIVO

DI PROCESSO (max 150 caratteri

spazi inclusi)

Curricolo  progettazione e valutazione

Elaborazione di prove disciplinari e trasversali comuni iniziali, intermedie, finali per classi parallele e di griglie di valutazione più articolate.

Individuazione di nuclei di apprendimento essenziali rispondenti alla didattica per competenze da inserire nel curricolo verticale di istituto.

Somministrazione di proposte di lavoro cadenzate per competenze per tutte le classi coerenti con i nuclei individuati.

Definizione di una pila software comune all’Istituto e di obiettivi di apprendimento relativi alle competenze digitali da inserire nel curriculum.

Ambiente di apprendimento

Creazione/potenziamento di  aule aumentate dalla tecnologia nella Scuola Primaria e Secondaria di I grado.

Inclusione  e differenziazione

Favorire il recupero delle difficoltà di apprendimento con un efficace utilizzo delle misure compensative grazie a un potenziamento delle competenze digitali.

Continuità e orientamento

Attivare percorsi di continuità sulle competenze di Lingua L2  e sulle competenze digitali tra la Scuola dell’Infanzia e la Scuola Primaria con servizio di tutoraggio da parte dei bambini più grandi.

Orientamento strategico e organizzazione della scuola

 

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

 

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

 

 

 

Indicare in che modo gli obiettivi di processo possono contribuire al raggiungimento delle priorità (max 1500 caratteri spazi inclusi) (con integrazione in corsivo)

La somministrazione di prove d’ingresso e intermedie comuni consente una progettazione più consapevole ed equilibrata. Prove finali comuni e griglie più articolate favoriranno la trasparenza, facendo emergere gli elementi da cui scaturisce il voto globale. Nell'ottica di una didattica sempre più individualizzata e che tenga conto delle Esigenze Educative Speciali di alcuni alunni, diventa sempre più importante rendere flessibile il processo valutativo. Sarà quindi un modo per rispondere all'esigenza da una parte di creare percorsi di lavoro personalizzati, dall'altra di mantenere dei punti fermi di riferimento.  La definizione di una pila software comune, sempre aggiornabile, sarà occasione di scambio tra i docenti in vista dell’adozione di soluzioni innovative. Garantirà inoltre l’utilizzo di strumenti validi e sicuri e l’accessibilità agli stessi da tutte le postazioni. La realizzazione e il potenziamento di ambienti polifunzionali con dotazione tecnologica creerà condizioni ottimali alla realizzazione di una didattica digitale e delle Lingue L2 laboratoriale e per competenze.  I percorsi verticalizzati favoriranno la coerenza e continuità nella progettualità. Il tutoraggio tra pari concorrerà a sviluppare negli alunni partecipazione attiva, motivazione e senso di responsabilità. Questi interventi didattico-educativi risponderanno ai bisogni di tutta l’utenza, ma in particolare potranno aiutare a rispondere in modo adeguato ed efficace ai Bisogni Educativi Speciali.

 

 

 

 

 

Informazioni aggiuntive