Didattica a distanza

La prof.ssa Enrica Zorgniotti avvia una diretta streaming

Articolo e foto di Rosanna Bruno

In questi giorni difficili noi insegnanti siamo stati chiamati a trovare modalità di didattica che offrano agli studenti la possibilità di continuare ad apprendere rimanendo nelle proprie abitazioni.

Riteniamo fondamentale  superare le barriere per mantenere il collegamento costante con i nostri alunni offrendo loro un supporto utile non solo dal punto di vista didattico ma anche sociale.

Noi  insegnanti dell’Istituto Comprensivo di Montegrosso d’Asti ci siamo  dimostrati subito pronti e all’avanguardia grazie alla competenza del  team formato dall’Animatrice Digitale Maria Papagni, Monica Vajra (Funzione Strumentale POF/Informatica/Comunicazione), Cristina Gervasio (Pronto Soccorso Tecnico), Salvina Lo Cicero, Barbara Orsino e Ilaria Triberti (Team dell’innovazione) e abbiamo  attivato un programma finalizzato a coinvolgere gli studenti dell’Istituto con la didattica a distanza.

La professoressa Bruno durante una diretta streaming con condivisione dello schermo

Già da alcuni anni utilizziamo  G-Suite for Education, con la piattaforma Classroom,  classe virtuale per  assegnare e correggere  compiti, allegare materiale  e dare e ricevere commenti. In questo periodo ci siamo attivati ulteriormente creando blog dei singoli docenti e  avvalendoci dell’applicazione Meet Hangouts che consente di fare lezioni in diretta streaming. Gli allievi possono vederci, dialogare con noi e visualizzare i materiali della lezione grazie alla condivisione dello schermo del docente. 

La prof.ssa Mondo durante una lezione di diretta streaming

Abbiamo programmato  le lezioni in Calendar affinché non si sovrappongano, ma  siano distribuite con metodo nel corso della settimana. Gli studenti di tutte le classi possono così  seguire le lezioni delle svariate discipline con i loro compagni a distanza, ma sentirsi “quasi come a scuola”.  Questo sistema di didattica a distanza è apprezzato , oltre che dai docenti, anche dagli studenti e dalle loro famiglie. Pensiamo che sia un modo per aiutarli e aiutarci a superare la situazione  critica del momento.


Informazioni aggiuntive